mercoledì 29 febbraio 2012

Inkheart: la leggenda di cuore di inchiostro: trama e commento

"Inkheart: leggenda di cuore di inchiostro" è un film a metà strada tra un fantasy e un'avventura, firmato alla regia da Iain Softley.
Distribuito dalla Eagle Pictures tra il 2008 e il 2009, "Inkheart" è una pellicola della durata di 106 minuti destinata ad un pubblico di giovanissimi e ad interpretare questa fiaba avventurosa troviamo tra le fila del cast Brendan Fraser, Paul Bettany, Helen Mirren, Jim Broadbent ed Andy Serkis. Ma scopriamo di che si tratta.
Trama
Protagonisti della vicenda sono un padre - Mortimer Folchart, detto Mo - ed una figlia dodicenne, entrambi amanti della lettura. Ma Mo nasconde un segreto alla sua bambina.

Noto rilegatore di libri antichi malandati, da anni egli è sulle tracce di "Inkheart", un libro di avventure fantastiche che è la causa della scomparsa della moglie. Mo infatti è una lingua di fata ovvero gli basta leggere un libro ad alta voce per trascinare i personaggi di fantasia nella realtà con l'unico inconveniente però che qualcuno di reale viene risucchiato dalle pagine del libro e scaraventato nella finzione del racconto narrato. Questa infatti è la sorte toccata alla moglie di Mo, rimasta bloccata nella fantastica realtà animata dal cattivo Capricorn e raccontata nelle pagine di "Inkheart".
Ma quando un giorno Mo trova il libro, le speranze di salvare la moglie si fanno più concrete che mai mentre Dita di Polvere, un mangia fuoco che Mo ha strappato alla finzione del libro, è già sulle sue tracce nel tentativo di poter far ritorno nella propria realtà e riabbracciare la propria famiglia.



Commento
Esordisco subito dicendo che il trailer promette molto più di quanto effettivamente non mantenga. Ed in effetti "Inkheart: la leggenda di cuore di inchiostro" è un film che avrebbe potuto sviluppare decisamente meglio tutte le promesse e le premesse, tutti gli spunti interessanti presenti. Ed invece, tutti gli ingredienti della pellicola vengono srotolati in vista dell'epilogo nella maniera più ovvia e lineare possibile. Poco il mordente, poca la suspense, nessun fiato sospeso. Il finale felice si pregusta già dopo la prima mezzora con il ritrovamento della moglie scomparsa mentre il momento del tanto agognato ricongiungimento della famigliola non riserva nessun pathos. Tutto procede liscio con imprevisti prevedibili e scioglimenti fin troppo agevolati. E tutto scorre sul filo di una inconsistente leggerezza.
Da apprezzare i colori, le ambientazioni, qualche raro passaggio felice.
In definitiva si tratta di un film per bambini, ottimo per trascorrere un'oretta spensierata senza troppe pretese.

Consigliato: ai bambini
Voto: 3/4

(Foto di Bluebirdsandteapots - Flickr)

2 commenti:

  1. mi sembra di capire che non ti ha entusiasmato...
    monica

    RispondiElimina
  2. Non particolarmente... c'è certamente di meglio in giro!

    RispondiElimina