martedì 5 giugno 2012

La mia vita è uno zoo: in uscita nelle sale

Ed è prevista per il prossimo venerdì 8 giugno l'uscita in tutte le sale cinematografiche italiane del film "La mia vita è uno zoo" (titolo originale "We bought a zoo").
Ispirato ad una storia vera, il film di distribuzione 20th Century Fox, segna il ritorno di Cameron Crowe alla regia che, per la realizzazione di questa commedia familiare ha arruolato un cast davvero d'eccezione. Tra i nomi principali figurano infatti Matt Damon, Scarlett Johansson, Thomas Haden Church,Patrick Fugit, Elle Fanning.
Protagonista della vicenda narrata è Benjamin Mee, professione giornalista, perfettamente integrato nell'ambiente e apprezzato per la verve e la temerarietà nella scrittura.

Benjamin però deve fare presto i conti con la morte della moglie e con la convivenza insieme con i suoi due figli nella casa dove tutto è un ricordo cocente e straziante.
In un estremo atto di coraggio, o forse di disperazione, l'uomo decide di licenziarsi, vendere casa, lasciare la città e trasferirsi con i piccoli in un centro di campagna, quasi completamente isolato, dove gli viene avanzata un'allettante proposta di acquisto immobiliare che include, oltre all'abitazione, diversi ettari di terreno ed uno zoo.
Benjamin accetta di concludere l'affare e per lui e la sua famiglia è solo l'inizio di un'avventura straordinaria che cambierà le loro vite.
Questa commedia si preannuncia godibile, anche se probabilmente dal sapore dolce-amaro, incentrata su una parabola di risalita e rinascita e imperniata di filosofiche considerazioni sulla vita e sui comportamenti umani.
Ecco il trailer...


4 commenti:

  1. lo guarderò...grazie. Julie

    RispondiElimina
  2. gli animali cambiano sempre la vita in modo positivo...
    m.c.

    RispondiElimina
  3. @Julie: ispira anche me... ma io sono di parte perché amo Matt Damon!
    @Monica: io li adoro... riescono sempre a strapparti un sorriso... Poi per i gatti, quelli str..zi ed indifferenti in particolare, ho un debole tutto speciale!!!

    RispondiElimina
  4. Noooo, ma perché nei film in un modo o nell'altro vengono sempre spedite al creatore le mamme? :-(

    RispondiElimina