mercoledì 23 gennaio 2013

The vampire diaries, recap episodio 4x08 "Si torna a Bourbon Street"

Nell'episodio 4x08 della quarta stagione di The vampire diaries, dal titolo "Si torna a Bourbon Street" (titolo originale "We'll always have a Bourbon Street") viene proposto un tuffo nel passato, una parentesi importante per il rapporto tra Stefan e Damon ma anche un interessante spunto per capire qualcosa di più in merito alla sgradevole faccenda dell'asservimento.
Stefan e Caroline infatti ormai ne sono più che convinti: Elena è asservita a Damon e questo basta, secondo loro, per spiegare la propensione sentimentale della neovampira nei confronti del più grande dei Salvatore.

Damon ancora non sa che il mondo sta per cascargli addosso ancora una volta, che l'amore che Elena prova finalmente nei suoi confronti potrebbe essere irreale e condizionato, che la magia della notte appena vissuta potrebbe celare una verità tanto amara. Al suo risveglio infatti non potrebbe essere più felice. Non ha prezzo quel piccolo smarrimento iniziale aprendo gli occhi e scoprendo che Elena non è accanto a lui ma dura solo un attimo. Elena c'è. Nessun ripensamento, nessuna doccia fredda. Niente è cambiato dalla notte appena trascorsa ed Elena è lì, per lui, per davvero. Forse.
La rivelazione di Stefan mette tutto in discussione e se la storia dell'asservimento è vera, Damon è disposto a tutto pur di spezzare quel finto legame.
I fratelli Salvatore così partono alla volta di New Orleans, città in cui Damon ebbe in effetti a che fare con una vampira asservita a lui ma anche con una strega che lo aiutò a spezzare il legame. 
La città tra l'altro offre ai fratelli l'occasione di ricordare una parentesi del loro complicato rapporto, una breve riappacificazione, la voglia di Damon di riallacciare i rapporti con Stefan e l'intervento di Lexi decisa ad ostacolare quel riavvicinamento perché convinta che Damon non fosse davvero un bene per il fratello e per il suo cammino verso l'abbandono della fase ripper.
In quell'occasione Damon mise da parte se stesso, fece la scelta giusta per il bene di Stefan come avrebbe fatto altre centinaia di volte in futuro. Peccato che Stefan sia capace di  cogliere solo ciò che più gli faccia comodo: Elena ha scelto Damon solo perché è asservita, Damon è quello sbagliato, Damon ha dei trascorsi imperdonabili e atteggiamenti riprovevoli, Stefan è migliore di lui e comunque più auspicabile per Elena, se viene spezzato il legame, Elena tornerà senz'altro da lui, Damon è solo un egoista.
New Orleans però soprattutto svela quanto letterale sia il legame di asservimento - vedi Charlotte invitata a contare i mattoni di un isolato della città, cosa che ha fatto per decenni - e, grazie alle rivelazioni di una strega, che non ci sia davvero un incantesimo in grado di spezzarlo. L'asservimento si verifica solo se la vittima prova già dei sentimenti verso il suo sire prima di diventare vampira e l'unico modo per liberarla è quello di imporle di dimenticare, di lasciarla andare.
Quale notizia potrebbe esserci di più terribile di questa per Damon? Eppure lo promette a Stefan, che farà la cosa giusta, che libererà Elena.
La neovampira intanto si sta godendo una serata tra ragazze a suon di musica e champagne ma una confidenza tira l'altra ed Elena racconta a delle contrariate Bonnie e Caroline della sua prima volta con Damon. La reazione della Forbes però è violenta, il disprezzo provato nei confronti di Damon le impedisce di essere felice per Elena e la discussione tra le due degenera finché Caroline non confessa la faccenda dell'asservimento.
Per Elena inizialmente è uno choc ma sarà lei a chiedere a un combattutto Damon di non essere liberata, perchè certa che il legame non influisca sui sentimenti ma soltanto sulle azioni.
Intanto mentre Hayley lavora segretamente per Shane per procurargli 12 ibridi liberi dal legame di asservimento a Klaus, Tyler dimostra carattere e si aggiudica il titolo di lupo alpha ignaro di essere solo una pedina per il folle piano del professor Shane.

Nessun commento:

Posta un commento