lunedì 4 marzo 2013

Hart of Dixie, recap episodio 2x12 "Island in the Stream"


Si intitola “Island in the Stream” (titolo originale “Island in the Stream”) l’episodio 2x12 della seconda stagione di Hart of Dixie, puntata incentrata principalmente sul gioco delle coppie visto che quasi tutti i personaggi sono impegnati a risolvere faccende di cuore.
A cominciare dal Dottor Breeland che, una volta deciso a voler intraprendere una seria relazione con Shelby, seppur molto più giovane di lui, cerca di trovare il modo migliore per uscire allo scoperto e confessare tutto a Lemon e Magnolia. 
Dopo alcuni equivoci, Lemon viene a conoscenza della relazione e sembra accettarla di buon grado salvo poi minacciare Shelby di volerla tenere d’occhio.

Novità anche per AnnaBeth che finalmente, dalla fine del suo matrimonio, sembra aver trovato un ragazzo interessante, un affascinante inglese dall’accento irresistibile. Peccato che si tratti di una inflessione dovuta ad una rara malattia che l’uomo non intende curare per paura di perdere quell’interesse che riesce a suscitare nelle donne grazie proprio a quell’accento britannico. Per fortuna, c’è Lavon a consolare Annabeth dopo la partenza improvvisa del ragazzo.
L’arrivo dei genitori di George invece porta scompiglio nelle coppie formate da Wade e Zoe e Tansy e George. I due infatti sono talmente convinti che il figlio e la Doc siano destinati a stare insieme che la madre del Tucker organizza addirittura una sorta di rapimento ai loro danni per costringerli a confessarsi il reciproco interesse con enorme disappunto dei rispettivi compagni.
L’avventura invece ha il solo merito di mettere le carte in tavola e chiarire le reciproche posizioni. Nonostante un certo interesse che porterà l’uno a gravitare sempre attorno all’altro, per Zoe e George infatti non sembra esserci la giusta spinta ad andare oltre, ad esplorare quel sentimento mai consumato. La verità è che stanno bene come stanno nonostante le palesi differenze che esistono con Wade e Tansy.
Nessuna rottura in vista per nessuno dunque. Almeno per il momento.

-->

Nessun commento:

Posta un commento