giovedì 5 settembre 2013

Under the dome, recap episodio 1x10 "Let the games begin"

Puntata assolutamente decisiva e cruciale per le sorti degli abitanti di Chester's Mill.
Nessun segreto è ormai più al sicuro e tutte le carte sono ben visibili sul tavolo a cominciare da Big Jim. I criminosi trascorsi del sempre più spietato consigliere che, pur di salvarsi faccia e reputazione, sta dimostrando di essere pronto a tutto, sono infatti ormai noti a Linda e Julia grazie alle parole testamentarie del defunto Duke.
Ma anche per Barbie le cose sembrano non mettersi meglio. Coinvolto dalla spietata Maxine in un losco giro di combattimenti clandestini e ricattato da questa, Barbie decide di rivelare il proprio inconfessabile segreto a Julia la quale già scopre per vie traverse la sorte del marito.

Anche il sequestro messo in atto da Junior ai danni di Angie viene fuori in questa puntata e l'instabilità mentale del giovane viene così ufficialmente svelata.
Ma si dà il caso però che Junior sembra essere proprio la quarta mano necessaria per attivare la mini cupola e quando i 4 ragazzi stabiliscono un contatto con questa ecco finalmente accadere qualcosa tanto straordinario quanto inquietante. Il piccolo fienile comincia a brillare di piccole stelle rosa e la frase pronunciata da tutti durante le convulsioni trova reale attuazione. Ma cosa vorrà mai dire tutto ciò? Che ruolo hanno queste stelle rosa? Serviranno a disattiva la cupola e liberare Chester's Mill? 
Per tutti questi interrogativi non c'è ancora una risposta ma la serie avanza verosimilmente verso lo scioglimento di vari nodi.
Nonostante ciò il mio interesse è leggermente calato rispetto all'inizio. A tre episodi dal fiale di stagione, posso dire che le storie dei vari personaggi non sono riuscite a coinvolgermi più di tanto e anche le espressioni monocordi degli attori mi hanno un po' stufato. Ma attendo con fiducia la visione delle prossime ultime puntate per avere una visione più completa di questa nuova serie.

Nessun commento:

Posta un commento